Cerca
Close this search box.

Pipistrello

Gae Aulenti, 1965

Pipistrello di Gae Aulenti per Martinelli Luce, 1965

oggetto

La celebre lampada Pipistrello è parte delle collezioni:

La celebre Lampada Pipistrello di Gae Aulenti del 1965 è un progetto iconico della grande designer italiana, un oggetto che ha definito il gusto degli anni Sessanta ed è rimasta un caposaldo del design per molti decenni a venire.

La lampada Pipistrello si riconosce immediatamente per la sua forma inconfondibile, quella di un pipistrello che sembra stia per spiccare il volo, le ali che stanno per spiegarsi. Lo stile della lampada è Art Nouveau, in netto contrasto con le forze razionaliste che dominavano la scena milanese dell’epoca.

A livello formale, la lampada si struttura in modo architettonico, come una colonna. La base in metallo, il fusto rappresentato dal braccio telescopico e poi il capitello, cioè il diffusore. Gae Aulenti crea la lampada per illuminare il negozio Olivetti, ma l’ambizione si estende anche a creare un prodotto per un pubblico colto e borghese (parola che al tempo si usava molto di più), che potesse apprezzare l’armonia delle forme che crea armonia con l’ambiente circostante.

gae aulenti e la lampada pipistrello negli anni sessanta

La Storia della Lampada Pipistrello

La storia della lampada Pipistrello nasce quando il gruppo Olivetti le commissiona due nuove sedi prestigiose: Buenos Aires e Parigi. In quegli anni Adriano Olivetti dirigeva l’azienda e aveva una forte sensibilità sensibilità estetica che si esprimeva sia nel design di tutti i suoi prodotti, che nell’architettura visionaria dei suoi showroom – uno tra i molti importanti è quello di Carlo Scarpa in Piazza San Marco a Venezia. Un’occasione quindi molto prestigiosa.

Per quell’occasione Aulenti pensa a ricreare all’interno dello showroom una pizza italiana, con l’idea di ricreare il classico punto di incontro pubblico. A fare da illuminazione alla piazza era proprio la lampada Pipistrello, che fui poi prodotta in serie da Elio Martinelli per la sua Martinelli Luce.

Da allora la lampada Pipistrello è ancora in produzione, e Martinelli Luce ne ha aggiornato i materiali e le tecniche produttive, p[roponendone anche una versione mini e una versione Pop con colori sgargianti. Il disegno di Aulenti rimane invariato.

La Lampada Pipistrello nei Musei

La lampada Pipistrello ha avuto un forte impatto a livello culturale, si tratta di uno degli oggetti che si possono identificare come icone del design italiano degli anni Sessanta, il grande momento del nostro design. Oggi è simbolo di un design retro e colto e si trova spesso nelle case di artisti e di chi si occupa di cultura.

La Pipistrello è collezionata in numerosi musei di design sparsi per il mondo. Il MoMA di New York, la Treinnale di Milano, il MET, Il Centro Pompidou e moltissimi altri ancora.

Gae Aulenti

Gae Aulenti Ritratto

Gae Aulenti (1927-2012), è stata una figura di spicco nell’architettura e nel design italiano. Nota per la sua visione multidisciplinare, ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama del design moderno. La sua opera spazia dall’arredamento urbano al design di interni, con realizzazioni come la lampada Pipistrello e il design del Musée d’Orsay a Parigi. Aulenti ha combinato forme moderne con elementi storici, creando un linguaggio unico che fonde innovazione, funzionalità e un forte senso estetico. 

Martinelli Luce

martinelli luce logo

Martinelli Luce è un’azienda italiana pioniera nel settore dell’illuminazione, fondata nel 1950 da Elio Martinelli a Lucca. Specializzata nella produzione di lampade di design, l’azienda si è distinta per la sua capacità di combinare innovazione tecnologica e creatività estetica. Conosciuta per le sue collaborazioni importanti, tra cui Gae Aulenti e il suo iconico design della lampada Pipistrello, Martinelli Luce ha contribuito a definire il panorama del design di illuminazione contemporaneo.