Cerca
Close this search box.

Cronotime

Pio Manzù, 1968

orologio da tavolo cronotime di pio manzù

oggetto

L’orologio da tavolo Cronotime di Pio Manzù è parte della collezione 100 Oggetti di Design Sotto i 100€ per la vota di tutti i giorni.

L’orologio da tavolo Cronotime di Pio Manzù è un progetto del 1968, nato come commissione della Fiat al giovane designer – il regalo di natale aziendale di quell’anno. Questo oggetto di design di piccole dimensioni contiene tutta la poetica di Manzù, e racchiude ironia, precisione e amore per il design dell’automobile.

Dopo gli studi alla Scuola di Ulm, Pio Manzù aveva cominciato a collaborare come consulente esterno alla Fiat nell’ufficio stile e progettazione. L’amore per la tecnologia e per l’auto è visibile nel piccolo orologio da tavolo, che sembra una componente meccanica lavorata fino a diventare un oggetto da cucina.

Cronotime racchiude tutta la poetica del design degli anni Sessanta italiani, è un oggetto intelligente ed elegante ma anche accessibile ed ironico. Relizzato in plastica ABS, fu messo in commercio da Ritz-Italora, e poi da Alessi a partire dal 1988. È un oggetto scultoreo (Pio era figlio dello scultore Giacomo Manzù) e pratico, che si articola in tre scocche girevoli. Così il quadrante dell’orologio può essere girato con facilità.

Cronotime di Pio Manzù: riconoscimenti

Cronotime di Pio Manzù è oggi considerato un simbolo del design italiano anni Sessanta, ed è un oggetto di design che ha avuto una grande fortuna in termini di pubblico e vendite. Oggi fa parte di alcune delle collezioni di design più prestigiose al mondo, come quella del MoMA di New York, la Triennale di Milano o il Boijmans Van Beuningen di Rotterdam.

Pio Manzù potrebbe essere stato uno dei grandi designer italiani del secolo scorso, ma putroppo morì a soli 30 anni in un incidente stradale mentre si recava alla Fiat alla presentazione di uno dei suoi prototipi. Non abbiamo quindi molti esempi del suo lavoro, se non l’iconica lampada Parentesi progettata con Achille Castiglioni.