Cerca
Close this search box.

Fazzoletto

Fulvio Bianconi, 1948

fazzoletto venini fulvio bianconi

oggetto

Il vaso fazzoletto di Venini fa parte della collezione:

Il vaso Fazzoletto fu progettato dall’artista Fulvio Bianconi e Paolo Venini nel 1948, ed è oggi uno degli oggetti più famosi della celebre vetreria di Murano. Celebrato in tutto il mondo come uno dei vasi di design più iconici ed originali della grande tradizione vetraria veneziana, Fazzoletto fa parte di collezioni prestigiose come quella del MoMA di New York.

La storia di questo vaso comincia durante la Biennale Arte del 1948, quando il pittore Fulvio Bianconi emerse all’interno del panorama artistico del tempo e fu notato da uno dei proprietari di una delle più importanti vetrerie di Murano, Paolo Venini. La vetreria Venini si era ormai fatta una reputazione per essere una delle migliori dal punto di vista delle tecniche della lavorazione del vetro, unendo la conoscenza tradizionale dei mastri vetrai di Murano a nuove lavorazioni, ma soprattutto alle idee di artisti all’avanguardia.

Fu così, grazie alle idee dell’artista Fulvio Bianconi e alle capacità tecniche dei mastri vetrai che nacque fazzoletto, pensato da Bianconi osservando le gonne delle donne di Murano che si muovevano nel vento (almeno così vuole la storia).

In realtà una fonte di ispirazione certa per Bianconi fu il vaso Cartoccio di Pietro Chiesa del 1932 per FontanaArte. La differenza tra i due sta nel materiale (quello di chiesa è prodotto con una lastra di vetro industriale) e l’abbandono della simmetria da parte di Bianconi. Il risultato è un oggetto prodotto in serie, am con tecniche artigianali tradizionali, inaspettato, leggero e poetico.

Da allora questo bellissimo vaso di design viene prodotto in decine di colori diversi non è mai uscito di produzione, diventando una delle icone del design italiano anni 50.

La produzione nelle vetrerie di Murano

La tecnica per creare il vaso fazzoletto è detta a mano volante, e si tratta di una coreografia che si puó vedere nel video qui sotto, in cui i mastri vetrai fanno roteare il vetro caldo e lasciano alla forza di gravità il compito di creare le forme che definiranno ogni singolo vaso Fazzoletto – ogni unità prodotta è unica, la sua forma irripetibile.

Grazie a questa tecnica e al disegno di Bianconi, che il vaso Fazzoletto è considerato una scultura in vetro, un oggetto che fa incontrare arte visiva, scultura e la secolare tradizione della produzione di vetri artistici di Venezia.

Il Vaso Fazzoletto nei Musei

Il vaso Fazzoletto di Fulvio Bianconi è stato fin dalla sua creazione un vaso di grande impatto sia dal punto di vista culturale che commerciale. Il vaso Fazzoletto entrò presto nella collezione del MoMA di New York, cementando così la fama di Bianocni e Venini negli USA e nel mondo culturale.

Oggi il vaso Fazzoletto è collezionato dai musei di design più prestigiosi del mondo, come la Triennale di Milano, il MAD di Parigi, il MET e il Cooper Herwitt di New York e molti altri ancora.

Vaso Fazzoletto alla mostra del MoMA: New Design Trends del 1952.